Torino è pericolosa o no? Dipende, soprattutto da te.

4 minuti di lettura

Riassunto di tre mesi di cronaca nera nel 2019 in quel di Torino, un po’ in ordine sparso.

Immagino tu cercassi informazioni su quanto è sicura Torino, e forse queste notizie ti stanno mettendo qualche dubbio. Forse anche un po’ di ansia. Calma…

Torino è una città pericolosa come la dipingono giornali e TV in questo periodo? Si può girare per stada la sera senza paura di maniaci, ladri o assassini?

Troppe domande tutte assieme. Partiamo da qualche fatto.

Pubblicità

I dati sulla criminalità a Torino

Ogni anno Il Sole 24ore pubblica una dettagliata statistica sull’indice di criminalità delle province italiane, una buona approssimazione di come vanno le cose anche nelle città capoluogo.

Categoria omicidi volontari, tentati e infanticidi: in testa è Vibo Valentia (15,5 ogni 100mila abitanti), seguita da Nuoro e Foggia. Torino è quarantacinquesima, con 2,38. Cagliari 43ma. Mi sento già più al sicuro.

Categoria violenze sessuali: prima Trieste (23 stupri ogni 100mila abitanti), seconda Bolzano, terza Milano. Torino è ventisettesima, 8,73 stupri. Cagliari trentesima, 8,51. In questo caso ci ho perso, ma non di molto. E poi dubito di essere appetibile per maniaci di qualsiasi tipo.

Categoria stupefacenti: vince Genova (114 reati ogni 100mila abitanti), seguono Roma e Ravenna. Torino è 38ma e precede Cagliari di 2 posizioni. In compenso Cagliari +13%, Torino +6%. Stiamo lavorando al sorpasso.

Categoria attentati a sindaci: non ci sono dati, mi dispiace.

A livello aggregato, Torino è la quarta provincia più “pericolosa” d’Italia, con 5600 reati ogni 100mila abitanti, superata solo da Milano, Rimini, Bologna, e Firenze. Cagliari finisce 80esima, una salvezza tranquilla.

A incidere in negativo sono soprattutto i furti: scippi, case svaligiate, auto rubate, rapine. Questi numeri dimostrano che Torino è una città pericolosa?

Pubblicità

Il pericolo reale vs il pericolo percepito

Quanto ti senti mediamente minacciato? Perché al di là di ogni dato numerico, è la tua percezione che potrebbe farti pensare che Torino è una città pericolosa.

Se vuoi il mio personalissimo parere di abitante di questa città, Torino non è pericolosa. O almeno, non lo è più di altre realtà analoghe. E soprattutto: non lo è sempre e non lo è dappertutto.

Prima di prendere per buono ciò che ti dirò, meglio sottolineare che chi ti scrive è uomo (a riparo dalle aggressioni sessuali, o almeno spero!), giovane e in forma (avessi 70 anni non potrei scappare da eventuali pericoli con altrettanta facilità), che frequenta un corso di autodifesa e che ha bazzicato – un po’ per necessità un po’ per caso – zone “movimentate” sua città natale.

Immagino di scrivere a persone adulte, capaci di riconoscere il pericolo e non ficcarcisi di proposito. Se a 30 anni ancora accetti caramelle dagli sconosciuti, porti addosso in bella vista contante o valori, giri con nonchalance alle 3 del mattino in zone frequentante solo da balordi…il pericolo te lo crei, non lo subisci.

Se invece sei mediamente prudente, saprai subito riconoscere che è vero che a Torino ci sono zone più pericolose di altre, ma che le Barriera di Milano esistono in ogni città d’Italia. A Cagliari si chiamano Sant’Elia o San Michele. A Palermo ZEN, a Napoli Scampia, a Milano Quarto Oggiaro e la Barona . Senza contare che perfino la “famigerata” Barriera non è bollabile in blocco come un quartiere degradato e pericoloso. Anzi, assieme ad Aurora è probabilmente l’area di Torino che verrà riqualificata di più in futuro.

Il pericolo, come detto, dipende soprattutto dalla tua percezione del pericolo. Informandoti un po’, confrontandoti senza pregiudizi, e soprattutto seguendo le regole del buon senso valide qui come a Milano, Cagliari, New York o Reykjavik, a Torino starai benone.

In termini strettamente statistici, qui è più facile essere falciati da una macchina mentre attraversi sulle strisce che essere così tragicamente sfortunati da incrociare un assassino sul lungo fiume. È più facile morire d’inquinamento che essere vittima di una rapina.

Ma questo, ovviamente, non fa vendere giornali. In ogni caso, per scoprire se Torino è pericolosa oppure no, il consiglio è sempre quello: vienila a visitare, anche solo per un weekend, e fatti una tua idea.

Poi però torni su questo blog e lascia un commento per dirmi se avevo ragione o meno!

Photo Credits: Marco Coda Mer via Flickr

Pubblicità