Meglio Milano o Torino? Lo scontro del secolo in 7 round

7 minuti di lettura

Se chiedi a un milanese qual è la cosa migliore di Torino, ti risponderà “il treno che mi riporta a Milano Centrale”. Chiedilo a un torinese, e ti dirà la stessa battuta, modificando la stazione d’arrivo in Porta Susa o Porta Nuova. Meglio tornare a Milano Centrale o a Porta Nuova? Meglio Milano o Torino?

Il fatto è che Torino e Milano, anche se sono a meno di 2 ore di auto (o meno di un’ora di Frecciarossa) l’una dall’altra, non potrebbero essere più distanti. Un po’ come cani e gatti, cagliaritani e sassaresi, francesi e bidet. Unico trait d’union, lo smog: fetido e persistente a Milano come a Torino.

Tra milanesi e torinesi c’è un cordiale disprezzo, simile a quello dei condomini in cui quello del piano di su scuote la tovaglia sui panni spesi di quello di giù. Come il tentativo di Milano di fregarsi il Salone del Libro di Torino (per fortuna fallito), e il contro-tentativo di Torino di infilarsi nella corsa alle Olimpiadi invernali di Milano / Cortina (finito male anche questo).

Ma parlando di qualità della vita – che è poi quello che più mi/ti interessa – è meglio Torino o Milano? Imbruttiti o bogia nen? Il mio post vuole risolvere una volta per tutte la questione. E per farlo, userò un infallibile metodo che da generazioni dirime problemi di adolescenti prevalentemente di sesso maschile.

Ci si aspetta fuori e ci si mena. Basta diplomazia, basta battutine sottili, meme mal riusciti, sfottò sportivi.

Arbitro io, che sono imparziale, anche se il blog si chiama Vivo Torino e a Milano non ho mai vissuto. Ma la conosco, eh se la conosco…

Quindi, ladies and gentlemen…

All’angolo sinistro: dal peso di 1milione e 372 mila persone: la capitale della moda, la diva dei Navigli, la città che non riposa mai, tranne che a Sant’Ambroeus…è…Milanoooo!

All’angolo destro: dal peso di 1 milione di persone scarso: il cuore dello slow food, la regina del Libro, la prima capitale d’Italia…..è lei….Torinoooooo!

(Sì, ho visto tipo 30 volte la saga di Rocky, e ne sono rimasto segnato a vita).

Suona il gong. Comincia la sfida: Meglio vivere a Torino o a Milano? A voi!

Pubblicità

Round 1: il cibo. Si mangia meglio a Milano o a Torino?

Torino parte subito all’attacco, mulinando una serie impressionante di sapori ed eventi legati al cibo: Salone del Gusto, Eataly (anche se è nata ad Alba), Slow Food (anche se è nata a Bra), le piole, la battuta di fassona… Milano cerca di difendersi con fendenti al sapore di panettone e risotto con l’ossobuco, ma quando Torino tira un gancio alla bagna caoda, per Milano è notte fonda.

Per quanto Milano offra una incredibile varietà di cucine internazionali, a Torino si mangia decisamente meglio e spendendo meno. La ripresa va a Torino. 1 a 0

Round 2: i trasporti. Sono più efficienti quelli d Milano o di Torino?

Milano torna sul ring incazzata. I montanti piovono sul muso di Torino senza sosta. Linea rossa, linea verde, linea lilla. A Torino di linee della metro ce n’è una sola, e neppure completa. Gli autobus prendono fuoco da soli, i tram risalgono all’ultimo scudetto del Toro.

Viaggiare coi mezzi pubblici a Milano è DAVVERO efficiente. Ok, costa un po’ di più, ma vale la spesa. La ripresa va a Milano. 1 a 1

Pubblicità

Round 3: il verde pubblico. Si respira meglio a Torino o a Milano?

Respirare, ok, è un parolone. Entrambi gli sfidanti indossano maschere anti smog, forti di una percentuale di polveri sottili da fare invidia alle acciaierie di Shangai. Una cosa però avvantaggia Torino: il verde pubblico. Parco del Valentino, Parco della Pellerina, Parco della Colletta, e soprattutto area naturalistica della Collina mettono in crisi i pochi polmoni verdi di Milano.

No, il Bosco Verticale non vale. È solo altro cemento mascherato. La ripresa va a Torino. 2 a 1

Round 4: il santo patrono. Più strategico quello di Milano o di Torino?

Lo sapevo che saremmo finiti sul blasfemo, che qualcuno avrebbe tirato giù anche i santi pur di vincere la sfida “Meglio Milano o Torino”. Sant’Ambroeus è una festività paracula, piazzata “casualmente” il 7 dicembre, giusta giusta per fare un mega ponte pre-natalizio. San Giovanni Battista viene il 24 giugno, una data abbastanza anonima. E con la cafonata dei droni ha perso anche un po’ di fascino.

Spostarlo al 14 agosto no? Mi dispiace, questa la vince Milano. 2 a 2.

Round 5: il portafogli. Costa meno Milano o Torino?

Torino riparte con una raffica di colpi al costato di Milano. Un dispendio notevole di risorse, pari quasi a quelle che servono per vivere decentemente all’ombra della Madonnina: affitti doppi (anche tripli) rispetto al capoluogo piemontese, trasporti più cari (ma come detto più efficienti), pranzi e cene in ristoranti più salati, divertimenti poco divertenti quando devi pagare il conto.

Col mio stipendio a Milano ci affitterei un posto moto a Brera. Taaac. Vince Torino. 3 a 2.

Round 6: eventi e nightlife. Ci si diverte di più a Torino o a Milano?

Se la chiamavano “la Milano da bere” un motivo ci sarà, no? Una serata tra i Navigli, soprattutto ora che li hanno rifatti a nuovo, svuota le tasche ma batte nettamente la pur dignitosa San Salvario. E quanto agli eventi, se Torino è riuscita a salvare il Salone del Libro e ha ancora la settimana dell’arte contemporanea, Milano risponde con nonchalance con le settimane del design, della moda, le millemila mostre d’arte, le tappe italiane di quasi tutti i gruppi musicali più fighi sul pianeta…

Per avere sempre qualcosa d’interessante da fare è meglio Torino o Milano? Milano non dorme mai. Torino è meglio se si dà una svegliata. Vince Milano. 3 a 3.

Pubblicità

Round 7, quello decisivo. Più facile trovare lavoro a Torino o a Milano?

Torino è allo stremo. In tutti i sensi. Mamma FIAT è andata a comprare le sigarette e con la scusa si è trasferita in Olanda, portando via con sé i gioielli di famiglia. Milano ride e vola, sulle ali delle aziende italiane e delle multinazionali estere che la scelgono come sede italiana.

Se hai mire carrieristiche, Torino ti starà più stretta di un pantalone dopo il pranzo di Natale. Vince Milano. 3 a 4.

Suona il gong. Il verdetto è emesso. Il pubblico è incredulo! Ma come vince Milano? Cioè, davvero ho detto che Milano è meglio di Torino?

Eh sì. Può essere, e in effetti molte delle statistiche pubblicate negli anni lo confermano.

Ti dico un piccolo segreto. Questo blog avrebbe dovuto chiamarsi “Vivo Milano”. All’ultimo momento ho scelto io di venire a Torino, e senza togliere nulla a Milano e i milanesi, è stata una buona scelta. Per i 70 + 1 motivi che ho elencato in questo post, e per quelli che scopro ogni giorno che vivo qui.

Per te può essere lo stesso? Dipende da quali sono le tue priorità e il tuo stile di vita. Ho scelto Torino perché, rispetto a Milano, sa essere grande città senza fartelo pesare troppo. Perché al mainstream ho sempre preferito gli outsiders. E poi vuoi mettere gli scorci che Torino offre nelle assolate mattine d’inverno, quando tutt’attorno i monti sono coperti di neve?

Ma questa è la mia scelta, la tua spetta a te.

Tu che ne pensi? Dovrei davvero considerare di comprare il dominio “Vivomilano.it”? Meglio Milano o Torino come città per vivere e lavorare?

Pubblicità