Tutti (o quasi) i playground a Torino, per giocare a basket all’aperto e aggratis

Quest’anno ho celebrato le nozze d’argento con uno dei più longevi amori della mia vita. Il basket.

Sono infatti passati 25 anni da quando un promettente e iperattivo decenne si innamorò del pallone a spicchi nella palestra della gloriosa PGS San Paolo. Un amore che ho portato con me anche a Torino e che sono perfino riuscito a contagiare ad Alice, che ora riesce a stare dietro al gioco senza le mie spiegazioni. Anche se continua a tifare la squadra sbagliata.

Come se la cava il basket a Torino?

In città si mangia pane (o grissini) e calcio, tra la gloriosa tradizione del Toro e quella degli zebrati che collezionano scudetti, finali di Champions perse e si sono anche comprati CR7 (nonostante la mia ironia a riguardo di qualche tempo fa).

Il basket a Torino è però riuscito a ritagliarsi il suo spazio nel cuore dei torinesi grazie all’Auxilium, per i tifosi solo Aux, che in 4 anni è passata dalla Lega Due alla Serie A, alle coppe europee, al primo trofeo della sua storia, la Coppa Italia del 2017 sollevata dal capitano (e amico di Vivo Torino) Peppe Poeta.

La prossima stagione sarà ancora più interessante, in prospettiva. Ad allenare l’Aux sarà infatti il monumento (ma i più cattivi azzardano “la mummia”) Larry Brown, ottuagenario coach U.S.A. che ha vinto un titolo N.B.A. coi Detroit Pistons e allenato il meglio del basket a stelle e strisce degli ultimi 40 anni.

Anche la casa dell’Aux si sposta, dal piccolo (ma raccolto) PalaRuffini al capiente (ma dispersivo) PalaVela. Si parla perfino di una fusione con la Juventus, e se le cose dovessero andare bene, chissà che Torino non faccia presto compagnia a Milano in Eurolega

E per chi vuole soltanto fare due tiri in un playground a Torino?

Dove si può giocare? Quanti playground ci sono a Torino? Dove si trovano? Quanto e come sono frequentati?

No, non è il solito post “i migliori sette playground a Torino”. Sarà un post collaborativo, wiki. Io metto tutti i campi di basket all’aperto di Torino che conosco (quelli liberi, non a pagamento) in un’unica comoda mappa. Tu mi aiuterai con le tue segnalazioni a popolarla con i campetti di Torino che frequenti e che non conosco.

Puoi fare la tua segnalazione con un commento a questo post, o mandando un messaggio sulla pagina Facebook di Vivo Torino. Il campo dev’essere libero e attivo, ovvero gratis e ancora utilizzabile.

Il tuo premio sarà…l’infinita gratitudine mia e dei players là fuori. E una menzione sulla mappa, casomai fossi vanitoso.

Per ora basti sapere che il playground a Torino più celebre e frequentato è, per distacco, quello di via Braccini. Per giocare bisogna fare la fila peggio che alle Poste, ma il livello è davvero ottimo e lo stato di manutenzione è impeccabile.

Prima di andare a giocare, ricordati di aiutarmi ad aggiungere tutti i playground di Torino, e ci si vede al campo. Quale? Mica lo dico, se no me lo freghi. Però mi riconoscerai dalla maglia della Pasta Cellino Cagliari. Penso di essere l’unico in tutta Torino (e forse in tutta Italia) a indossarla.

Photo credits: Josh Willink

Potrebbe anche interessarti...