7 parchi dove andare a correre a Torino

5 minuti di lettura

Per alcune settimane di questo sfigatissimo 2020 il runner è diventato il nemico numero uno. L’egoista untore pronto a infettare il mondo pur di non rinunciare alla sua corsa, bersaglio di insulti on e offline.

Ora che il Covid sembra essere andato in ferie, e i minchioni da tastiera sono tornati a commentare i post di Salvini, per noi è venuto finalmente il tempo correre, liberi come il vento.

Rimane solo da decidere il dove. Quali sono i migliori parchi per andare a correre a Torino?

Come sempre, la risposta è una: dipende. Da dove vivi, ma anche dalle tue esigenze.

  • Ti accontenti dell’asfalto o preferisci la varietà nelle superfici?
  • Ti va bene fare slalom tra mamme annoiati, bimbi molesti e anziani in libera uscita o vuoi sfrecciare senza ostacoli?
  • Vuoi solo correre o anche pedalare o fare qualche esercizio?

Di seguito troverai un po’ di spunti sui migliori parchi dove andare a correre a Torino, con relativi pro e contro.

Ah, uno non è proprio un parco, ma è l’unico surrogato possibile in una zona di Torino che non ha parchi in prossimità. Mi scuseranno i puristi.   

Parco della Pellerina

Non so se è il parco più grande di Torino, ma è senz’altro uno dei più “per-corribili”, data la varietà di percorsi e il maggiore spazio a disposizione pro runner. Si può correre in praticamente ogni tipo di superficie e sono presenti aree per l’allenamento a corpo libero. Per contro, soprattutto d’inverno diventa meno frequentato di podisti e più da signorine in abiti succinti.

Parco del Valentino

È il parco torinese per eccellenza, luogo di ritrovo per un pic nic, una gita in canoa, o una passeggiata romantica. Ciò significa che è anche uno dei più affollati, ma niente paura: c’è spazio anche per i runners! Nel mio periodo Sansalvariese ho corso il parco del Valentino in lungo e in largo. Più in lungo che in largo in realtà, dato che il parco segue il fluire del fiume Po. Altro piccolo neo: si corre soprattutto sull’asfalto. Per un po’ di sterrato e di ristoro per le tue ginocchia puoi attraversare il fiume, dirigendoti verso Corso Moncalieri. 

Pubblicità

Parco della Colletta

Fortunati i runners che vivono in zona Vanchiglietta, perché hanno l’imbarazzo della scelta. Il parco della Colletta è un’enorme area verde attrezzata e con tanti percorsi per andare a correre a Torino, ma tanto apprezzata anche dai “merenderos”*. Poco più a nord c’è il parco della Confluenza, là dove i fiumi Po e Stura si uniscono, e la riserva naturale del Meisino, con il celebre isolone dove c’è perfino una spiaggetta dove prendere il sole prima o dopo la corsa. Per fare il bagno, però, meglio andare in piscina.

* in gergo locale, i merenderos sono numerosi gruppi di immigrati, quasi sempre sudamericani o rumeni, intenti all’organizzazione di grigliate abusive nei parchi pubblici e in aree verdi.  

Parco della Mandria

I puristi diranno “ma la Mandria non è mica a Torino, è Venaria!”. E va bene, avete ragione voi. Ma come si fa a non inserire nella lista dei migliori posti dove andare a correre a Torino una distesa di verde del genere, dove è facile perdersi (letteralmente) e quasi impossibile rifare lo stesso percorso due volte? C’è perfino la possibilità di beccare qualche esemplare di fauna selvatica. Un sogno. Un po’ distante dalla città, ma un sogno.

Pubblicità

Parco Ruffini

È un po’ più piccolino di altre aree verdi come la Colletta o la Pellerina, ma è tra i parchi meglio attrezzati dove andare a correre a Torino. Al Ruffini prevalgono i viali asfaltati, ma ci sono anche tante aree gioco, per l’esercizio a corpo libero, e perfino alcuni campetti da basket per chi, oltre alla corsa, vuole fare un po’ di sport di squadra. I viali alberati, poi, d’estate fanno sempre ombra e altrettanto piacere. 

Piazzale Duca d’Aosta – Area pedonale del Fante

Perché anche se i parchi sono distanti, da qualche parte bisogna pur sfogare la voglia di correre a Torino, no? Quindi se vivi o hai vissuto in Crocetta, quasi certamente hai corso anche tu nell’area pedonale di fronte al Politecnico, tra splendide ville neogotiche e cani che costano quanto la tua macchina portati a spasso da stanchi domestici. I difetti sono quelli tipici di un’area non verde: corri solo sull’asfalto e respiri tanto smog. Forse troppo, ma questo passa il convento.

Pubblicità

Parco Vittorio Veneto

Perché anche chi vive a Torino sud, e più precisamente tra Santa Rita e Mirafiori ha diritto alla sua corsetta quotidiana! L’area è più urbana e meno wild di altre in città, ma è comunque una grossa fetta di verde dove correre o andare in bicicletta. E se piazza d’Armi ti sembra troppo poco, per allungare il giro puoi anche percorrere i lunghi viali alberati che delimitano l’area. Lì però lo smog si fa sentire di più. 

Bonus Track  – Parco Dora

Pur essendo vicino a casa mia me lo sono sempre cagato poco. Dalle mie ultime perlustrazioni, però, mi sembra piuttosto ben frequentato e molto runner – friendly. A breve nuovi aggiornamenti dopo una corsetta sul campo!

Le scuse ormai stanno a zero, le pizze fatte in casa e le lasagne che si sono trasformate in trippa non se ne andranno da soli, e neanche con lo scioglipancia di Wanna Marchi.

Hai già scelto il tuo parco dove andare a correre a Torino? Ora infilati le scarpe, allaccia il Fitbit e corri. Poi torni qui e mi racconti la tua esperienza con un bel commento al post.  

Pubblicità