I 7 cocktail bar a Torino dove vale la pena farsi un drink

Quando Alice mi dice che è lei l’uomo della coppia forse non ha tutti i torti.

A pensarci, sono io quello tra due che torna a casa carico di buste il primo giorno di saldi. Che ha immotivati sbalzi d’umore, anche senza ciclo. Che quando entra in un cocktail bar a Torino riesce sempre a ordinare il mix più dolce e fruttato tra quelli presenti nel menù.

Un po’ come JD, e i suoi Appletini “easy on the Tini”.

 

Mi scusino le attiviste #metoo per la premessa piena di stereotipi sessisti, ma era necessaria ad introdurre il tema “dove bere un buon cocktail a Torino?”, città che come certamente saprai ha visto nascere l’aperitivo e il vermut. Che si è poi scoperto essere toscano, ma fa lo stesso.

In questo post ho accuratamente selezionato per te i sette (più qualche alternativa extra qua e là) cocktail bar di Torino che dovresti provare almeno una volta nella tua nuova vita sabauda.

O se sei qui di passaggio, che dovresti provare per concludere bene una serata magari iniziata in una delle migliori piole di Torino, magari dopo aver visitato Torino di sera, magari nel tuo primo weekend a Torino.

Cin!

Pubblicità

Smile Tree

Piazza della Consolata 9/c – Torino
Telefono: 331 184 8136

Pagina Facebook

Nella splendida piazzetta della Consolata si trova uno degli storici cocktail bar di Torino. Qui però non si fanno cocktail: si creano opere d’arte contemporanea. Entri per bere qualcosa e ti ritrovi davanti sculture alcoliche, piatti che sembrano quadri affrescati dai migliori rum, vodka o gin e decorati con popcorn o cocco fresco, serviti in bulbi di lampadine o alambicchi.

Ci si sente quasi in colpa a toccarli. Poi però li assaggi e non smetteresti mai.

Affini

Via Belfiore 16/c – Torino
Telefono: 011 024 0162
Pagina Facebook

San Salvario ha fatto le sue fortune sul bere tanto e cheap. Eppure i locali che fanno cocktail come si deve ci sono anche qui. Ad esempio Affini. I suoi barman nei weekend sembrano figli illegittimi di Kali, tante sono le mani che afferrano, shakerano, versano, servono. Senza (quasi) mai sgarrare sulla qualità dei cockitail serviti. Consigliato in giorni infrasettimanali, quando l’afflusso è minore e la disponibilità a creare qualcosa su misura per il cliente è più alta.

Se poi la folla è troppa, il D.One è distante pochi passi ed è scelta altrettanto saggia. Ha raccolto l’eredità dello storicissimo Diwan, uno dei primi locali aperti in SanSa, e propone ancora oggi alcuni tra i migliori coktail di Torino.

Pubblicità

Bar Cavour

Piazza Carignano 2 – Torino
Telefono: 011 1921 1270

Sito Internet

Cavour era un habitué dello storico e carissimo ristorante “Il Cambio”. Se il buon Camillo avesse 30 anni oggi e facesse serata, sceglierebbe senz’altro questo lounge cocktail bar di Torino proprio accanto al suo ristorante preferito. L’ingresso è un po’ nascosto (citofonare Bar Cavour, letteralmente), il locale è fatto a misura del dandy, modernamente ottocentesco e dotato di una fichissima smoking room in verde. Non nel senso che ci entri in smoking verde. I cocktail sono altrettanto raffinati e curati, e come tale li paghi.

Mad Dog Social Club

Via Maria Vittoria 35/A – Torino
Telefono: 011 812 0874

Sito Internet

Se il Bar Cavour è l’Inghilterra ottocentesca, il Mad Dog è gli Stati Uniti anni ’20. Gessato, alcol clandestino, jazz, e speakeasy, locali segreti e nascosti. Un tempo anche qui serviva conoscere la “parola d’ordine”, ora basta solo prenotare con un po’ di anticipo per scoprire i suoi cocktail eccezionali, a cavallo tra la tradizione e la ricerca. La location “underground”, in senso letterale, si riempie spesso e volentieri delle calde note dei live jazz. E per qualche ora ti dimentichi perfino di essere ai piedi delle Alpi.

Se l’atmosfera ti sembra troppo patinata e l’impegno economico troppo elevato, a pochi passi (piazza Carlina) c’è il Mago di Oz, il cocktail bar di Torino con l’unico semaforo che i torinesi al volante e non davvero apprezzano: quando scatta il verde puoi ordinare due cocktail (uguali) e pagarli a un prezzo speciale. Quindi trovati qualcuno che abbia i tuoi stessi gusti in fatto di alcolici, o bevine due da solo.

EDIT

Via Cigna 96 /15 – Torino
Telefono: 011 1932 9700

Sito Internet

È Barriera di Milano ma potrebbe anche essere Los Angeles, o Londra, o Shangai. EDIT è un progetto di riqualificazione urbana ben riuscito che porta in prima pagina un quartiere tosto di Torino, e non per la cronaca. Il “polo del food and beverage” come dicono quelli cool, ospita cuochi visionari, mastri birrai, panettieri 2.0 e anche un’area bartendering coi controcazzi, gestita non per niente dal Barz8.

Barz8

Corso Moncalieri 5 – Torino
Telefono: 339 533 1352
Pagina Facebook

È quasi un doppione, visto che il bartendering è lo stesso dell’EDIT, ma non può mancare essendo uno degli storici cocktail bar di Torino in cui dovresti andare senza esitazioni. Si trova ai piedi della Gran Madre, poco distante da piazza Vittorio Veneto. I cocktail vengono fatti su misura dei gusti di chi li chiede, basta avere le idee chiare su gusto, base alcolica e fragranza desiderata. L’ambiente è decisamente più informale dell’EDIT, e anche sui prezzi sono più clementi. Sempre che tu riesca a trovare parcheggio e posto.

Pubblicità

Lumeria

Via Reggio, 6/c – Torino
Telefono: 011 1970 7614
Pagina Facebook

Borgo Rossini è una delle mie zone di Torino preferite, dove ho iniziato a trovare i miei locali di riferimento. Rossini per l’aperitivo, pizza a Quelli che Benpensano, cena in trattoria Primavera e cocktail del dopo cena alla Lumeria. A metà strada tra il tapas bar, la vineria e il cocktail bar, ha una vena hipster che si fa perdonare dalla qualità del bere, a prezzi non folli e con accoglienza più che cordiale. Non l’ho ancora testato sul cibo, ma pare si mangi altrettanto bene sia a pranzo che a cena.

Se anche qui trovi tutto pieno, e l’idea del dehors d’inverno ti spaventa, attraversa la strada e plana al monomono bar (Facebook), ultima scoperta tra i cocktail bar a Torino, assai apprezzata per l’ambiente spartanamente vintage, i pochi ma buoni cocktail della casa, l’affabilità del padrone di casa. E ci ho pure visto Levante, caso mai tu sia fan.

Dovevano essere sette e sono diventati nove migliori cocktail bar di Torino. Ora non ti resta che trovare un’occasione speciale per provarli. Che so, un bel voto dopo un esame, un nuovo lavoro o una nuova cas…

No, questa non la dico o spoilero troppo. Tu pensa a divertirti, a bere responsabilmente e a commentare questo post. Perché come dice l’adagio, chi non beve e commenta in compagnia, o è un ladro o è mia zia. Che infatti è astemia.

Ciao zia!

Photo credits: Jody Sticca – E’ tempo di bere

Pubblicità