Guida al clima di Torino per negati

4 minuti di lettura

Oddio, sto per trasferirmi a Torino e non ho nulla da mettermi: cosa devo mettere in valigia per sopravvivere al clima di Torino?

La risposta a quest’ipotetica scena di isteria davanti al guardaroba è semplice e ovvia: dipende dal periodo. Per me è stato facile, mi sono trasferito il 17 giugno quindi ho riempito lo zaino di comodi bermuda cargo e fresche infradito modello serata al chiringuito (o come ama definirle lei, modello hare krishna).

Però capisco che, se prevedi di trasferirti a ottobre o peggio febbraio, qualche dettaglio in più sul meteo di Torino potrebbe tornarti utile, oltre a quelli che qualsiasi sito di meteorologia può offrirti.

Eccoli quindi, nell’immancabile format-7-punti®, i trucchi per non rimanere mai sorpreso dal clima di Torino, approvati anche dall’associazione meteoropatici italiani.

Pioggia a Torino, soprattutto quando meno te l’aspetti

Prima regola del clima a Torino: al weekend piove. Seconda regola del clima a Torino: piove anche durante tutti i possibili ponti e feste comandate, o non appena uno partorisce il pensiero di una gita fuori città. In realtà la stagione più piovosa è l’estate, l’ho imparato a mie spese il primo anno, spesso sorpreso in infradito e bermuda da temporali che manco i monsoni in India. Al primo accenno di nube, ombrello in tasca o in borsa.

A Torino fa freddo, ma non poi così tanto.

Perché certo, le temperature in inverno scendono sotto lo 0, ma mesi davvero freddi sono solo tre: dicembre, gennaio e febbraio. Paradossalmente anche quelli in cui piove (e nevica) meno, quindi tante giornate di sole che rendono piacevole il clima di Torino, almeno di giorno. E nebbia permettendo.

Pubblicità

Bentornata, nebbia a Torino

Probabilmente la nebbia è una delle prime associazioni mentali che il forestiero fa sul clima di Torino. E invece no, i nebbioni da tagliare col coltello si sono un po’ dati nell’ultimo decennio, anche loro stufi dell’immagine grigia e triste da stereotipo del Nord. Negli ultimi anni la nebbia sta ricomparendo in città, per la gioia degli amanti di atmosfere alla Sleepy Hollow e l’incazzo delle donne coi capelli appena piastrati.

Nebbia a Torino

Tipo che quando a Torino c’è la nebbia il grattacielo Intesa San Paolo sembra un condominio.

La neve a Torino, purtroppo solo un ricordo

Nonostante sia uomo di mare, ho sempre amato la neve, forse proprio perché a Cagliari non ne vedo da quasi 30 anni. Quindi “Figo! Torino! Nevica!”. Col cazzo. 2 misere volte l’anno, negli ultimi 3 anni. Per giunta una neve tisica, incapace di reggere dalla sera alla mattina. Però che bella Torino con la neve!

La neve a Torino.

Fa freschino, eh Vittò?

Pubblicità

Quando a Torino fa caldo, fa DAVVERO caldo

Di quello umido e appiccicoso, che basterebbero 4 liane e un paio di tucani per sentirsi in Amazzonia. Non essendo una città ventilata, la cappa d’afa che ammorba Torino a Luglio e Agosto è (a mio modesto parere) ben peggiore del solleone meridionale, anche perché non trova rimedio in un tuffo al mare. Fortunatamente non sono periodi prolungati, e gli acquazzoni di cui sopra danno un po’ di respiro.

Vento di Torino, questo sconosciuto

Hai presente quelle maestralate così forti da far tremare le serrande? O quei bei venti autunnali che trasformano le foglie secche in turbinii colori? Ecco, scordateli. A Torino non soffia quasi mai vento. Il che d’inverno, lo ammetto, è un vantaggio. Ma fa anche ristagnare l’aria, carica di smog, e la rende irrespirabile d’estate. Maestrale, mi manchi!

Pubblicità

Quindi qual è il periodo migliore per visitare Torino o trasferircisi?

Fatte queste dovute premesse, il periodo migliore meteorologicamente parlando è la tarda primavera. Le piogge si diradano, il clima di Torino diventa tiepido e piacevole, i parchi sono pieni di vita e di bestiole che ti scorazzano attorno.

Volendola invece buttare sul romantico, autunno: tra fine settembre e inizio novembre le foglie diventano del colore dell’oro, l’aria frizzantina, e c’è decisamente meno viavai turistico. E poi ogni 2 anni c’è il Salone del Gusto!

Se poi il freddo non ti spaventa, la butto lì: gennaio. Forse l’ho già detto ma che bella è Torino con la neve?

E tu, cara lettrice o caro lettore, in che stagione trovi Torino più bella?

Pubblicità